Equity Split in Mamazen: come la gestiamo?

Equity Split in Mamazen

Come gestiamo l’Equity Split nelle Startup che creiamo in Mamazen? In questo articolo ti spiegheremo nella maniera chiara come vengono divise le quote tra i Founder quando generiamo una nuova Startup.

Negli scorsi articoli ti abbiamo parlato di noi e vogliamo continuare a darti modo di scoprire tutto sul nostro Dojo, ma prima di gettarsi nel vivo dell’argomento di questo articolo ti rimandiamo alle scorse puntate inerenti al nostro Studio.

Bene, ora che abbiamo fatto un recap generale degli articoli di questa rubrica dedicata strettamente al nostro Dojo, possiamo partire con l’argomento cardine! 

Pronti, partenza, via!

Equity Split, quale modello adottiamo?

Come hai potuto vedere in un precedente articolo, ci sono diverse tipologie di Equity Split che uno Studio può utilizzare con i propri Co-Founder. In caso ti fossi perso questo argomento non ti preoccupare, puoi recuperarlo comodamente a questo link

Noi in Mamazen generiamo idee internamente e, di conseguenza, è lo Studio ad essere il Founder di ogni Startup (Startup Studio as Founder). Ma come vengono divise le quote all’interno delle startup generate? Beh, non c’è una regola fissa ma vi sono dei driver e degli intervalli all’interno dei quali ci muoviamo. Nei paragrafi successivi faremo chiarezza su questo argomento.

Qual è il principale fattore che determina la quantità di quote che lo Studio trattiene? I due principi fondanti sono il numero di Founder che coinvolgiamo nella nuova avventura e la loro seniority.

Reclutare Co-Founder è un passaggio molto difficile e delicato e se vuoi approfondire l’argomento ne abbiamo parlato in questo articolo.

Come determiniamo l’Equity trattenuta dallo Studio

Come detto poco fa Il primo fattore è il numero di Co-Founder che dobbiamo reclutare per lanciare la Startup.

Il secondo è invece l’expertise e l’esperienza che questi Co-Founder possiedono. 

Quando reclutiamo due Founder, una best-practice che utilizziamo è di identificare un Co-Founder più orientato verso il prodotto/servizio che si occuperà di tutto quello che concerne il product development.

L’altro Founder deve essere business oriented ovvero con capacità di raccontare il prodotto ad investitori (un buon storyteller), organizzare e gestire Fundraising. Questo tipo di persone hanno normalmente un ottimo network.

In primis molto dipende dalla seniority del Co-Founder e dal compenso corrisposto agli stessi nonché dall’effort richiesto allo Startup Studio. Lo Studio, in media trattiene intorno al 30/40% dell’Equity, il restante 60%/70% viene diviso fra i 2 Co-Founder.

Ovviamente, come in ogni cosa, non c’è una regola fissa ma si valuta  caso in caso.

Le Stock-Option all'interno delle Startup create nello Studio

Oltre alla divisione delle quote di cui sopra, viene sempre prevista una Option Pool del 10%. Perché lo facciamo?

Perché vogliamo dare la possibilità ai manager e ai key-man/key-woman delle startup di poter acquisire dell’Equity delle Startup che aiutano a creare. Come funzionano le Stock-Option? Vediamolo subito assieme.

Le Stock-Option sono piano di incentivazione per i dipendenti. Attraverso questo piano i dipendenti possono accedere alla sottoscrizione futura delle quote della società ad un prezzo predeterminato.

In questo modo alcuni dipendenti (che solitamente raggiungono determinati obiettivi aziendali) possono accedere alla possibilità di acquistare quote future dell’azienda ad un prezzo determinato chiamato strike-price.

E ora che sai come gestiamo l'Equity Split in Mamazen?

Beh, non ci resta che procedere nel nostro viaggio all’interno del nostro Dojo no? Un pezzo alla volta, articolo per articolo ti racconteremo le dinamiche e i processi più significativi del nostro Startup Studio!

I talenti spesso non sanno di esserlo. Sono persone ambiziose, che spingono i loro limiti sempre più in là, che non si accontentano e non temono il cambiamento, lo aspettano a braccia aperte. Se non riesci a spegnere il cervello perché hai sempre troppe idee che ti frullano in testa, se non ti riconosci in un ruolo, perché ami imparare sempre cose nuove, se il tuo mantra è imparare ogni giorno qualcosa di nuovo, sei proprio la persona che fa per noi!